You are currently browsing the monthly archive for gennaio 2010.

“Non è sufficiente denunciare il razzismo, bisogna spiegare perché e come gruppi ed individui arrivino a credere ad una tale rapprsentazione (e a renderla operante nell’azione sociale, politica e culturale).

Il razzismo, come la cultura e l’etnia, è una costruzione culturale e per sbarazzarsene non basta argomentare che le razze non hanno alcuna consistenza dal punto di vista scientifico: al ricercatore spetta il compito di rendere conto dei termini della sua costruzione e del suo funzionamento.

Per quanto infondata sul piano scientifico, la nozione di razza funziona come una rappresentazione sociale efficace.  Come osserva Colette Guillaumin, il razzismo non ha alcun rapporto con la realtà dei fatti, non sono dei fatti a generarlo, ma un universo immaginario le cui esigenze possono radicarsi nella verità come nell’errore

Renè Gallissot

Di certo non mi aspetto che un Maroni possa voler dar conto delle esigenze profonde cui la gente dà risposta attraverso il razzismo. E’ su quelle esigenze che si basa il suo potere, quello della Lega, quello della ‘ndrangheta.

Ma sta a noi analizzare, capire, tradurre e (soprattutto) provare a risolvere le esigenze non risolte e degenerate che danno vita al razzismo di cui sono vittima i migranti di Rosarno. O gli abitanti di Baghdad.


– Nel rifugio-lager di Rosarno: “Viviamo tra i topi e la paura” (inchiesta)
– I terroristi eravamo noi. Parola di reduce dall’Iraq  (video)

Annunci
gennaio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031